Horizon 2020. Cinque principi per superare una visione quantitativa della smart city

Smart Cities Presentazione Camera dei Deputati.pptx

 

Venerdì ho tenuto un keynote speech alla Camera dei Deputati in occasione del “Meeting of Chairpersons of Commitees on employment, researchand innovation”.

Occasione ghiotta per suggerire ai Parlamentari Europei criteri QUALITATIVI finalizzati a giudicare la validità dei progetti smart da presentare all’Unione Europea in occasione del bando Horizon 2020.

Smart Cities Presentazione Camera dei Deputati.pptx

1) La smart city non é un punto di approdo finale condizionato dalla quantità di tecnologie presenti in un ambiente urbano. I processi innovativi hanno sempre interessato gli ambienti urbani. Oggi l’innovazione indotta dall’Information and Communication technology é veloce, pervasiva e dirompente.

Un primo criterio da adottare sarà quindi quello della flessibilità e della capacità di guidare il cambiamento.

Smart Cities Presentazione Camera dei Deputati.pptx

2) Nella vulgata comune la smart city é identificata con la grande metropoli. Se seguissimo questa logica una città adotterebbe le politiche smart seguendo una ottica difensiva.

All’emergenza ambientale si risponde con le politiche smart, alla criminalità si risponde con le politiche smart, e così via.

Naturalmente il termine “smart” si traduce in applicativi IT.

La stragrande maggioranza delle persone in Italia (e in Europa) vive in città medio piccole.

Andranno quindi premiate le realtà urbane di ogni dimensione che riescono ad innovare mantenendo le loro specificità e condividendo le buone pratiche.

Smart Cities Presentazione Camera dei Deputati.pptx

3) Oggi il grado di smartness delle città é spesso valutato in relazione alla quantità di tecnologie utilizzate.

Ciò che oggi andrà sempre di più adottata sarà la capacità di utilizzare #consapevolmente da parte del genere umano l’Information technology.

Il più grande errore che si può commettere é quello di valutare il livello di innovazione secondo i criteri propri della città fordista.

Il KPI deve quindi evolversi da quantitativo a qualitativo.

Smart Cities Presentazione Camera dei Deputati.pptx

4) La città smart é una città che include. Il termine inclusione va naturalmente inteso valutando la qualità delle Istituzioni democratiche.

Soprattutto la città smart é improntata alla capacità di mutuare ovunque le modalità comunicative proprie del mondo del social networking.

In questo caso i criteri valutativi non saranno improntati alla quantità dei dialoghi, ma alla qualità e alla intensità dei dialoghi.

Quelli che ci interesseranno saranno soprattutto i dialoghi tra le Istituzioni, gli stakeholders e i city user.

Smart Cities Presentazione Camera dei Deputati.pptx

5) Una città smart non può fondarsi su una somma di organizzazioni verticali e autoreferenziali.

Ciò che andrà indagato e incentivato é la formazione di tanti nodi tra sistemi umani e di oggetti connessi grazie al web.

La città smart é una immensa rete composta di tanti nodi intelligenti costituiti da dialoghi, dati e comunicazioni.

Il mondo globale smart sarà il risultato dell’incrociarsi di tanti nodi e di tante reti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *