7 consigli ai Digital Champion (ma non solo) nell’approccio con la Pubblica Amministrazione

Michele Vianello + digital champion1

Recenti provvedimenti legislativi spingono la Pubblica Amministrazione a intraprendere decisi e non rinviabili processi di digitalizzazione.

Della qualità e della necessità di questi processi ho già scritto recentemente.

Uno degli obiettivi dichiarati della attività dei Digital Champion è quello di supportare i comuni in questo processo di cambiamento.

Mi sono permesso, sulla base della mia esperienza e della mia attività professionale, di formulare 7 consigli per i Digital Champion (… ma non solo) affinché la loro attività si esprima con sempre maggiore efficacia.

Michele Vianello + digital champion 2

1) So bene che affrontare il tema degli open data ha il suo fascino.

Per i cittadini –tuttavia- ma anche per la Pubblica Amministrazione, la priorità è quella di digitalizzare la fruizione dei diversi servizi. Anche sotto questo profilo la legge è molto chiara.

Michele Vianello + digital champion 3

2) In tutti i casi esisteranno una differenza sostanziale tra la trasparenza e l’open data.

La trasparenza è una forma positiva di digitalizzazione dell’esistente. Bene o male tutte le Amministrazioni hanno risposto a quest’obbligo.

L’utilizzo da parte di “terzi” dei dati in formato open deve generare invece valore economico e sociale per una comunità.

Michele Vianello + digital champion 4

3) I dati possono generare valore per le imprese e per il mondo economico. La legge peraltro lo prevede esplicitamente.

Il valore sociale è dato dalla possibilità per i singoli o per le associazioni di contribuire a migliorare la vita di una comunità.

L’esempio positivo di Prato è illuminante.

Michele Vianello + digital champion 5

4) Oggi è necessario aiutare la Pubblica Amministrazione a digitalizzare l’intero ciclo di fruizione di un servizio, o un adempimento burocratico.

Sotto questo versante le Pubbliche Amministrazioni sono in ritardo, i cittadini, invece, esigono con maggiore forza la digitalizzazione delle relazioni con loro.

Michele Vianello + digital champion 6

5) L’ostacolo al raggiungimento di questo obiettivo è dato dalla struttura organizzativa, dall’eccesso di legificazione, dalla conseguente forza della burocrazia.

Molti dipendenti della Pubblica Amministrazione al pari dei cittadini sono vittime di questo sistema.

Michele Vianello + digital champion 7

6) Prima di prescrivere le “pillole informatiche”, bisogna intraprendere le “terapie organizzative”.

Idem, seguendo le linee guida della Legge Madia, bisogna intervenire sull’organizzazione del lavoro anche attraverso incentivi e disincentivi.

Michele Vianello + digital champion 8

7) Infine, poiché il digitale non è una religione di cui noi saremmo i sacerdoti, evitiamo quell’atteggiamento (che vedo con preoccupazione affermarsi soprattutto su Facebook) di accondiscendenza arrogante verso la Pubblica Amministrazione e i dipendenti pubblici.

Questo atteggiamento otterrà il solo risultato di far alzare barricate e di rafforzare le resistenze al cambiamento.

p.s. La prossima settimana parlerò di Digital Champion (e non solo) nei rapporti con le imprese.

Le slide potete scaricarle su SlideShare

Michele Vianello - riferimenti

 

 

 

Michele Vianello

https://www.linkedin.com/in/michelevianello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *